IN YOUR EYES EZINE RECENSISCE UOAAOO

20150905 IYEzine

I Rumore Rosa, formazione toscana con quasi quindici anni di carriera alle spalle, ritornano a far parlar di sé con il loro terzo disco lungo, Uoaaoo. Il lavoro, abbandonato il mondo delle major, esce per il collettivo indipendente Consorzio Zdb, non rinunciando, però, a mantenere il suo vivido sound pop, sempre carico di energia ed emotività.

L’iniziale Uoaaoo, trascinando e conquistando con il suo efficacissimo ritornello/coro, si pianta in testa fin dal primo momento, attirando in pieno l’attenzione dell’ascoltatore, mentre l’animo più timido e pacato di Tutti Fioriscono In Primavera, tra basso, batteria e chitarre, accarezza con le sue melodie, lasciando in compagnia del morbido crescere ed evolvere di Non Altrove.
Il piglio etereo della sognante Come Dimenticare, invece, galleggiando su chitarre, synth e leggeri colpi di batteria, apre alle solitarie note dell’introversa Giorni Sani e al vivido avvolgere della solare ed emotiva Non Appartengo.
Il pensieroso procedere di Una Vacanza Dalla Mia Testa, infine, aprendosi nel finale, introduce il basso determinato della decisa Alice Ti Odio (lo spirito rock prende il sopravvento), il soffuso scivolare di Mrs No Where (con tanto di fuochi d’artificio nella parte conclusiva) e il notturno infiammarsi de La Mia Cura.

Con questo nuovo lavoro i Rumore Rosa si confermano una band di qualità che merita di essere seguita ed ascoltata con passione. I dieci pezzi di questo Uoaaoo, escludendo un paio di occasioni energiche, si adagia su un pop/indie rock che fa della delicatezza e della raffinatezza i suoi principali punti di forza. Un album curato e maturo, un ascolto consigliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>